I 100 migliori chitarristi di sempre

Anno 2013, la voglia di far classifiche è sempre più alta, quindi mi sono deciso di analizzare una classifica particolare trovata sul sito del magazine “Rolling Stone”. A questo link trovate la classifica completa. Di seguito ho fatto alcune osservazioni, alcune sono addirittura scoperte per me, che mi farebbe piacere condividere con voi.

Iniziamo come sempre dal fondo. La prima cosa che mi ha impressionato è la posizione 97, occupata da Steve Jones con “God Save The Queen”. Ovviamente stiamo parlando di Sex Pistols,  prima icona del punk rock britannico. Steve Jones stette con i Sex Pistols per i primi due album, dopo tentò varie strade, tra cui anche quella solista. Sicuramente un suono che ha fatto storia, Fender Twin, Les paul e P90….cosa volete di più?? Curioso sapere che lo stesso Jones partecipò ad un album dei Megadeth del 1988 dal titolo “So far, so good…so what!”

Alziamoci un pò di posizione, numero 92. Troviamo Dimebag Darrell con i suoi Pantera. La tecnica di Dimebag era stratosferica, le idee di soli sempre al limite della concezione umana. Sinceramente mi aspettavo una posizione migliore, anche perchè la sua tecnica chitarrista fa tutt’ora scuola!

Posizione 89, la prima donna. Si tratta di Miss Bonnie Raitt, chitarrista blues statunitense che vanta un’incredibile tecnica con lo slide. In questo video la possiamo vedere con una formazione molto country nel 1977, forse con uno dei brani che la rappresenta nel peggior modo possibile parlando di chitarrista. Se avete tempo cercate i video della sua performance in tributo a SRV, quelli meritano!

Posizione 72 per John Frusciante, chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, ha saputo portare la chitarra funk nel pop attuale. Un’ottima padronanza dello strumento, un suono molto bello e particolare, un gusto nei piccoli soli sempre fantastico. Di sicuro uno tra i chitarristi che si possono definire storici. Qui lo vediamo all’opera in un live.

Alla posizione 71 non possiamo non citare Robert Johnson, colui che aveva venduto l’anima al diavolo, il primo bluesman, l’inventore della chitarra blues. Ci sono veramente molte storie su questa persona, ma quella che mi affascina di più tra tutte è quella che riguarda il suo primo album. Si narra che lo registrò interamente a casa sua, con una sottospecie di microfono, tutto “one take”. Sicuramente con una qualità per l’epoca pazzesca (1936). Inventore del Delta Blues e massimo esponente della chitarra fingerstyle, Robert Johnson morì a soli 27 anni.

Posizione 65, troviamo Slash con i Guns. Uno dei chitarristi più famosi a livello mondiale, i suoi soli hanno fatto storia, la sua strumentazione ha fatto storia…anche lui ha fatto storia. Uno dei personaggi più strani a questo mondo, tutti lo ricordiamo con i suoi capelli ricci e quel cappello, unico. Icona intramontabile e chitarrista con un suono veramente personale. Chi tra di noi non sa riconoscere il suo suono tra mille?? E pensate che viene tutto dalle sue mani, è li il segreto!

Scorriamo le posizioni fino alla 50°, metà classifica. Si piazza una tra le persone più incredibili della storia del rock. Un certo Ritchie Blackmore, chitarrista famoso a livello mondiale per aver regalato alle nostre orecchie canzoni intramontabili. Non ha bisogno di presentazione o di aneddoti.

Sembra che tutto sia finito,  e invece no. Ho continuato a sfogliare la classifica e troviamo nomi incredibili, che ci hanno regalato brani stupendi, che ci hanno fatto sognare. Mi accordo che in realtà una top 100 è veramente difficile da analizzare, poichè si prendono in mano tutti i filoni musicali possibili. Troviamo Mark Knopfler alla 44° (solo li???), Tom Morello alla 40° (un innovatore degli effetti per chitarra!), The Edge alla 38° (mitici i suoi suoni con quel delay fantastico!!), John Lee Hooker alla 35°, Prince alla 33°, Brian May alla 26°, Buddy Guy alla 23°. Da qui in poi sembra che ormai tutto sia stato detto. Come si fa a trovare soli migliori tra quelli da me citata? E invece no, si arriva alla 5° posizione con Jeff Beck, la persona che ha in effetti portato la chitarra ad un livello successivo, forse cosa che gli altri non sono riusciti a fare, o meglio, non sono riusciti a far capire alle grandi masse. Alla 4° troviamo Keith Richards, chitarrista dei Rolling Stones. Qui secondo me c’è da analizzare il motivo, anche perchè prima troviamo altri grandi chitarristi (tra i quali BB King, Santana che tra tutti hanno un suono riconoscibile ed uno stile unico). Secondo me è stato messo in questa posizione unicamente per il successo del gruppo. Con questo non voglio smontare la potenza e il linguaggio di questo chitarrista, sicuramente icona della musica Rock. Al 3° troviamo Jimmy Page, chitarrista più unico che raro, particolare, molto personale e sensitivo. Non si può aggiungere altro se non ascoltare tutto quello che ha fatto nella sua carriera. 2° posto per Eric Clapton, chitarrista unico ed immenso, posizione sicuramente meritata dal mio punto di vista. E’ riuscito a diventare qualcuno, ha quasi uccidersi, a rinascere e a fare un festival aggregativo, dove scambiarsi idee ed opinioni e fare ascoltare molti generi musicali diversi tra loro. Una persona da stimare e da cui c’è da imparare sicuramente molto!

Siamo giunti alla conclusione, al primo posto troviamo niente popò di meno che……JIMI HENDRIX. Non ci sono parole per descrivere un chitarrista di quel calibro. Ha modificato una generazione, ha fatto sognare ogni chitarrista sulla faccia della terra. La sua energia era unica, il suo feeling con la chitarra inarrivabile. Il suo suono fa scuola tutt’ora e ci sono fior fior di persone che cercano di imitarlo, con poco successo purtroppo.

 

PENSIERI FINALI:

Una top 100 infinita (vi consiglio di guardarvela ben bene, anche perchè è tutta interattiva e c’è molto da imparare), che però mi lascia con un piccolo amaro in bocca. Purtroppo non viene menzionato quasi mezzo chitarrista jazz, coloro che hanno fatto la storia di una musica di livello e qualità. Sicuramente ben pochi tra gli artisti citati hanno inventato qualcosa di totalmente nuovo a livello musicale. Allora perchè non inserire anche i veri padri della chitarra? Charlie Christian, Wes Montgomery, Jim Hall, Pat Martino e molti altri?!?!?!? Sicuramente fare una classifica comprendete questi nomi sarebbe stato un lavoro infinito, però sarebbe stata sicuramente molto più corretta di quella che andiamo a leggere ora ;)
 

This entry was posted in Blog and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to I 100 migliori chitarristi di sempre

  1. Significantly, a great post. Thanks for articulating your opinion.